La bambola di Cagliostro. Una storia per immagini di Coppélia ou La Fille aux yeux d'émail

Concetta Lo Iacono

Abstract


Di Coppelia si narra una storia degli aspetti più significativi e “perturbanti”: dall’iniziale suggestione nel racconto di E.T.A. Hoffmann, Der Sandmann, di un maestro alchemico ispirato a Cagliostro, all’ossessiva ripetizione del motivo degli occhi e dello sdoppiamento dei personaggi che hanno ispirato le illuminanti pagine di Freud. I rimandi letterari e iconografici legano i vari paragrafi dedicati all’automa anche alla luce delle intuizioni di Kleist sulla “danza senza errore” della marionetta, e alle varie mises-en-scène a partire da quella del 1870 in una Parigi alla vigilia dell’assedio prussiano. La galleria finale di immagini e video riassume i motivi salienti dell’interesse attuale del pubblico per un balletto del Secondo Impero reinventato in scena (o sullo schermo) da coreografi contemporanei attratti dai lati feticistici della bambola, o dai ricostruttori “filologici” del repertorio accademico.


Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/3343

Copyright (c) 2012 Concetta Lo Iacono

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 2036-1599
Direttore responsabile: Giuseppe Liotta
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8001 del 23 settembre 2009
Emaildanzaericerca@unibo.it

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]