Seigradi: dancing in a real-virtual environment. Affects and movement in Santasangre’s work

Francesca Magnini

Abstract


Questo saggio prende spunto da una riflessione sul lavoro del collettivo artistico italiano Santasangre e nasce in particolare dall’analisi di Seigradi, parte di una trilogia di performances intitolata Studi per un teatro apocalittico: un esperimento unico in cui fonti luminose, immagini olografiche, suoni e corpo danzante si fondono in tempo reale. Chiamando in causa le nozioni di tactile-kinesthetic body (M. Sheets-Johnstone) e di kinetic melody (A.R. Luria), da cui emerge l’idea di un’intima connessione tra affetto e movimento, l’obiettivo di questo studio è quello di discutere alcuni argomenti legati alla relazione coreografo-danzatore (inclusa la sua potenziale assenza) mediante un’analisi dei meccanismi di trasmissione della danza che si focalizza su vari approcci riguardanti l’uso delle tecnologie digitali nella danza contemporanea.

Full Text

PDF (English)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/4698

Copyright (c) 2014 Francesca Magnini

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.