Essere danzatore e intellettuale nell'Ottocento: danza e scrittura di sé

Rita Maria Fabris

Abstract


 

Gli studi comparativi, ancora poco frequentati dalle ricerche sulla danza, procedono all’articolazione dell’influenza di un “classico” in un repertorio di forme d’incidenza e di modi di ricezione. In questa prospettiva analizzeremo criticamente il canone della danse d’école e la sua influenza sulle esperienze pedagogiche e rappresentative di Carlo Blasis (1795-1878) a Milano e di August Bournonville (1805-1879) a Copenaghen, nel tentativo di individuare i rispettivi processi di appropriazione e di rielaborazione culturale di tale ideologia del corpo danzante, a partire dall’analisi di come si è costruita l’identità del danzatore intellettuale ottocentesco attraverso la dinamica delle relazioni personali e sociali, nazionali ed internazionali, che si riflettono nella scrittura di sé e della danza all’interno del panorama del primo Ottocento, alla ricerca di un proprio spazio e di riconoscimento nella cultura intellettuale.



Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/4978

Copyright (c) 2015 Rita Maria Fabris

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 2036-1599
Direttore responsabile: Giuseppe Liotta
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8001 del 23 settembre 2009
Emaildanzaericerca@unibo.it

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]