La pausa e l'infinito. I cardini dell'improvvisazione nel tango

Elisaveta Skalovska

Abstract


Avendo come riferimento le opere scritte di alcuni degli analisti più importanti del mondo tanguero e le testimonianze di rinomati ballerini e maestri della generazione attuale, viene esaminato il ballo del Tango argentino da una prospettiva tecnico-esecutiva, cercando di rispondere alle domande che sorgono attorno alla sua realizzazione concreta nella pista di ballo e a proposito della sua immagine estetica. Dopo un’attenta presentazione delle regole prestabilite del tango, al cui interno avviene l’espressione creativa momentanea, particolare attenzione viene dedicata alle nozioni di corte e quebrada in quanto elementi coreografici di primaria importanza sia nella costruzione coreografica attraverso l’improvvisazione, che nella definizione del volto estetico e tecnico del tango.


Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/6604

Copyright (c) 2016 Elisaveta Skalovska

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 2036-1599
Direttore responsabile: Giuseppe Liotta
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8001 del 23 settembre 2009
Emaildanzaericerca@unibo.it

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]