A Conversation on the Aesthetics of Improvisation and Some Other Things

Simone Forti, Rossella Mazzaglia

Abstract


Intrecciando biografia artistica e personale, nella conversazione con Rossella Mazzaglia qui pubblicata per la prima volta, Simone Forti ripercorre l’esperienza formativa con Anna Halprin, precisa le motivazioni che la spingono a trasferirsi a New York nel 1959 e illustra le frequentazioni ed esperienze creative dei primi anni Sessanta a confronto con il nuovo teatro, la musica e l’arte visiva. Mostra il passaggio a una concezione strutturata dell’improvvisazione, impiegata dall’artista nel corso degli anni e, contemporaneamente, da altri esponenti della danza postmoderna americana.

L’intervista costituisce una fonte storiografica su Forti e sulla sperimentazione newyorchese dei primi anni Sessanta, ma anche uno spunto di riflessione inedito sulle affinità cinestesiche tra opere di diverso genere e disciplina. L’intervista è pubblicata in inglese e seguita da un commento di Rossella Mazzaglia in italiano.


Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/5959

Copyright (c) 2015 Simone Forti, Rossella Mazzaglia

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 2036-1599
Direttore responsabile: Giuseppe Liotta
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8001 del 23 settembre 2009
Emaildanzaericerca@unibo.it

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]