“Scene ibride”. I livelli d'ibridazione nella danza tra innovazione e tradizione

Giuseppe Burighel

Abstract


In virtù della capacità a federare le arti, l’arte del danzare in scena è quella pratica del corpo in grado di raccogliere attorno a sé espressioni e competenze diverse. Il corpo (danzante) federa le arti allo stesso modo in cui ne ibrida anche i concetti e le tecniche. Tali ibridazioni non sarebbero nuove alle arti coreutiche, ma risalgono agli albori delle danze di scena : ciò che le rende uniche in epoca contemporanea è la radicalità di pratiche che operano in direzione della perdita dei codici spettacolari. Tuttavia, l’ibridazione come metodo procedurale nella definizione dello spettacolo di danza non può dirsi inedito. Per discuterne, abbiamo individuato quattro diversi livelli d’ibridazione nella danza: una ibridazione del processo di composizione, una ibridazione del danzatore, una ibridazione dell’autore e, infine, una ibridazione a livello del sistema di diffusione.


Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/6603

Copyright (c) 2016 Giuseppe Burighel

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 2036-1599
Direttore responsabile: Giuseppe Liotta
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8001 del 23 settembre 2009
Emaildanzaericerca@unibo.it

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]