Toccare i suoni, sentire la luce. La poetica del limite di Alessandro Sciarroni

Flavia Dalila D’Amico

Abstract


Il saggio si propone di indagare la modalità in cui corpi e dispositivi entrano in relazione in Aurora (2015) di Alessandro Sciarroni, andando a configurare una soggettività espansa, tesa tra le materie sceniche e le specifiche qualità fisiche dei performer. Lo spettacolo esplora il goalball, uno sport paraolimpico praticato da ipo e non vedenti. L'abilità ad eseguire una pratica facendo a meno della vista intesse una drammaturgia che poggia sull'ascolto e edulcora lo sguardo in favore degli altri sensi.


Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/7678

Copyright (c) 2017 D’Amico Flavia Dalila

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.