Salvatore Viganò e l’attività al teatro del Fondo di Napoli

Roberta Albano

Abstract


Il saggio indaga i diciotto mesi di attività di Salvatore Viganò presso i Reali Teatri di Napoli sotto l’appalto di Domenico Barbaja, tra settembre 1815 e marzo 1817. La mancanza di documenti aveva relegato questo periodo a un’attività ininfluente per l’analisi della produzione del coreografo. La ricerca presso l’Archivio di Stato di Napoli ha rivelato una documentazione che rende noti i rapporti tra Viganò, la sovrintendenza, il Ministro degli Interni e la famiglia reale. In questo contributo si evidenzia che il soggiorno napoletano, per Viganò e la Pallerini, fu determinante per il successivo periodo di attività alla Scala di Milano. La vivace produzione teatrale napoletana fornì importanti spunti e suggestioni per i successi dell’ultimo periodo della carriera di Viganò.

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/8711

Copyright (c) 2018 Roberta Albano

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.