L’erranza pedagogica di Rudolf Laban nei sentieri del corpo

Franca Zagatti

Abstract


La parola “erranza” deriva da “errare”: ci riporta l’idea del viaggio e del vagare, dell’andare in giro mossi non tanto dal desiderio di arrivare, ma piuttosto dal piacere dell’essere in cammino. In prospettiva pedagogica, ci segnala il valore dell’esperienza vissuta e attraversata, la ricerca di senso che nasce dalla curiosità e dal desiderio di andare oltre i confini del già noto. In questo contributo, la dimensione dell’erranza verrà assunta come filo rosso dell’esperienza esistenziale, umana e professionale di Rudolf Laban per diventare chiave interpretativa del pensiero pedagogico dell’artista.


Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1599/2410

Copyright (c) 2011 Franca Zagatti

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.

Licenza Creative Commons

ISSN 2036-1599
Direttore responsabile: Giuseppe Liotta
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8001 del 23 settembre 2009
Emaildanzaericerca@unibo.it

La rivista è ospitata e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]